Il partito dei Cinque Stelle dice no a un governo di tregua definendo “traditori del popolo” i partiti disposti a sostenerlo e chiede il voto subito.

Matteo Salvini è invece favorevole a “un governo fino a dicembre” insieme ai Cinque Stelle con un premier “anche non leghista”. Di Maio risponde affermando che l’incarico va dato partendo da chi ha vinto le elezioni. Il premier leghista taglia corto “dove c’è Renzi non ci sono io” quindi ribadisce l’invito ai Cinque Stelle a fare insieme un governo a tempo.

Salvini corteggia il Movimento Cinque Stelle “vorrei sedermi con loro per concordare modi tempi e nomi; è due mesi che cerco il dialogo con loro”.

Il voto del 4 Marzo ha dato un segnale di cambiamento enorme, ma Salvini ha forse sprecato la sua occasione per stare con Berlusconi, un pluricondannato?

La domanda sorge spontanea, qual è lo scopo del comportamento così disponibile di Salvini? Esistono secondi fini?

In ogni caso, per i Cinque Stelle l’importante è rifare le elezioni, e di Maio assicura di aver appurato come data il 24 Giugno, affermando che non importa se Mattarella la pensa diversamente.

Ovviamente, se queste elezioni si faranno, sarà un ballottaggio tra Lega e Cinque stelle, ma è proprio a causa loro se dopo le elezioni del 4 Marzo ,l’Italia è in una situazione di stallo politico. Sono sicuri di riavere il successo ottenuto nelle prime elezioni? Dalla determinatezza di Di Maio, sembra certo della vittoria. Io credo che  in Italia saremo            MAI -SALVI  !!!!

Anzi si salvi chi puo!!!

 

Roberta Beretta 4 UE

Annunci