imagesCome ogni anno è arrivata una data importante e terribile allo stesso tempo: il 25 Novembre che ci fa ricordare e ci fa riflettere su come l’uomo sia capace di distruggere un altro uomo, o meglio, una donna. Di testi informativi sull’argomento ce ne sono davvero tantissimi e altrettante sono in questi giorni le conferenze, tenute per stimolare la riflessione e per far conoscere un problema ancora troppo poco noto.
Studio musica, e così, quest’anno ho deciso di andare a cercare qualche canzone che parlasse di questa cruda realtà e, incredibilmente, ne ho trovate molte e fra di loro assolutamente diverse. Alcune affrontano la problematica dal punto di vista della donna, altre da quella del carnefice e altre ancora ne parlano da un punto di vista più moralistico ed esterno.
Fra tutti i testi che ho ascoltato, mi è piaciuto molto “Vestita di Lividi” di Gionny Scandal, nuovo rapper emergente in Italia.
Riporto e commento di seguito alcuni versi delle canzone che mi hanno fatta riflettere.
“Se lei non ti ama più, non è perché è una t***a, in fondo sei stato tu a far finire questa storia..”
Spesso un uomo che violenta una donna, che sia dal punto di vista psicologico o fisico, la fa sentire sbagliata, come se la colpa fosse sua ed è per questo che lei arriva ad autoconvincersi di meritarsi quanto subisce, mentre è accecata dal dolore che le infligge il suo carnefice. E’ facile da parte dell’uomo darle la colpa, darle della “facile”, “leggera”, ma è molto meno facile per una donna non ascoltare questi giudizi, tanto che spesso diventano, nella mente di lei, l’unica realtà esistente.
“Chiusa a chiave, dentro un incubo dal quale, tu pensi non ci si possa più svegliare, ma adesso fai la cosa giusta ‘VALLO A DENUNCIARE’, non ci credo che anche oggi sei caduta sulle scale.”
Talvolta molte donne vittime di uomini violenti non vogliono denunciare il proprio carnefice, per paura, per terrore soprattutto di rivelare a qualcuno la propria situazione temendo di non ricevere comprensione e addirittura di essere giudicate. In fondo non è poi nemmeno così assurdo… d’altronde è a questo a cui si sono abituate per giorni, mesi, anni! Sono convinta che la denuncia sia da sporgere, ma mi rendo conto di quanto possa essere difficile rivelare a qualcuno il proprio stato di malessere e quanta vergogna sorga dopo averne parlato anche solo con un amico, a maggior ragione con qualcuno esterno alla propria vita.
“Non posso cambiare lui perché è nato già bastardo, ma posso cambiare te e ridarti forza per farlo, oltre a darti qualche abbraccio, coraggio.. il segreto è torna quella ch’eri prima d’incontrarlo..”
La cosa di cui si ha più bisogno in assoluto è amore, affetto da parte di chi abbiamo intorno. Spesso le situazioni di violenza cambiano le persone che le vivono, facendole chiudere in loro stesse, spingendole ad allontanarsi dagli amici, dalla normalità dell’esistenza quotidiana, per vivere un amore ossessivo e malato. In questi momenti di rifiuto verso l’esterno e verso le persone che ha sempre amato, una donna ha bisogno di un abbraccio, anche e soprattutto quando chiede assolutamente di stare da sola; ha bisogno di una parola di conforto quando dice di voler solo ascoltare un po’ di musica. Una donna ha bisogno di ricevere amore, perché, altrimenti, a causa di quello che le fa il suo carnefice non crederà più in nessuna forma di affetto, anzi, cercherà sempre di starne il più lontana possibile cercando di proteggersi e rinchiudendosi così nella solitudine di una sofferenza ingiusta.

Questa canzone secondo me esprime al meglio la situazione delle donne che subiscono violenze ed è davvero molto utile per riflettere sul problema.
Oggi è il 25 Novembre, oggi è un giorno fondamentale ma non è solo oggi che dobbiamo occuparci e preoccuparci della violenza sulle donne. E’ importante ricordare, ma sarebbe meglio arrivare a non doverne più parlare, vivendo in un mondo di amore reciproco gli uni verso gli altri. Purtroppo è un’aspirazione ancora troppo elevata…
A te, che le/mi hai fatto questo:
“Come fai a rovinare la vita a una donna se in fondo, è grazie a una donna se sei al mondo..?”

Articolo firmato

Annunci