Un momento del concerto presso il Teatro Sociale di Como

Un momento del concerto presso il Teatro Sociale di Como

Giovedì 14 Novembre, alle ore 20.30, con alcuni studenti del Liceo Musicale Teresa Ciceri mi sono recato al Teatro Sociale per assistere all’esecuzione di due splendidi lavori dei maestri Dvorak e Korsakov.

La serata è iniziata con il Concerto per violoncello e orchestra di Antonin Leopold Dvorak, che lui compose un mese prima della sua morte. Da quest’opera traspaiono intense emozioni, malinconia che si accosta a fervore, grinta e dolcezza: un mix di emozioni dalle quali l’ascoltatore può lasciarsi trascinare e nelle quali può immedesimarsi. Probabilmente questo Concerto rispecchia gli stati d’animo che Dvorak provò al momento della sua creazione. Il violoncellista che ha interpretato la parte per lo strumento principale si chiama Enrico Dindo. Nato a Torino da una famiglia di musicisti, ha collaborato con grandi orchestre dal calibro della BBC Philharmonic Orchestra, della Rotterdam Philharmonic, nonché con il Teatro alla Scala, ricoprendo il ruolo di primo violoncellista.

La serata è proseguita con l’ascolto della famosa Shéhérazade , Suite Sinfonica del celebre compositore russo Nikolaj Rimsky-Korsakov. L’opera è ispirata alle “Mille e una notte”, famosa raccolta di novelle orientali ed è considerata uno dei migliori lavori di Korsakov. L’orchestrazione è apparsa elegante e raffinata: dalla Suite traspare un fine interesse per il mondo esotico e orientale. Dall’ascolto della Shéhérazade ho potuto notare la teatralità di questo componimento. Con la sua musica Korsakov riesce a suscitare in chi ascolta un tale coinvolgimento emotivo da far volare la mente fra le strade dell’antica Bagdad, nel palazzo di un apparente sultano minaccioso che si scioglie all’ ascolto delle affascinanti novelle raccontate dalla giovane  Shahrazād . Qui Korsakov lascia spazio al teatro della nostra fantasia, di cui noi siamo i registi, limitandosi ad accompagnarci nel nostro viaggio con la sua musica. Ospite d’onore della serata è stato Josè Luis Gomez-Rios, importante violinista e direttore d’orchestra venezuelano, che da tempo collabora con il Teatro Sociale. Il Maestro ha raggiunto i palchi più stimati di tutto il mondo, arrivando fino in Giappone e Taiwan.

Nell’insieme si è trattato di una serata piacevole e molto interessante. Un ringraziamento all’Orchestra, ai professori accompagnatori e a tutti coloro che organizzano queste uscite importanti per noi alunni del Liceo Musicale.

Luca Manzo, classe 1M