Ecco, ci siamo: sta per terminare il primo decennio di questo terzo millennio. Non credete sia arrivato il momento di tirare le somme? Ci abbiamo pensato noi, proponendovi una rassegna degli eventi emblematici dei questo primo capitolo del XI secolo.

Il decennio è iniziato sotto i migliori auspici, quelli della divina benedizione. Anno 2000: il  Giubileo proclamato da papa Giovanni Paolo II fa muovere milioni di persone verso i luoghi santi. Sono Roma e il Vaticano le mete predilette dai pellegrini, che chiedono la remissione dei peccati.

Anno 2001: attentato alle Twin Towers. La mattina dell’ 11 settembre, 19 affiliati all’organizzazione terroristica islamica Al-Qaeda dirottano quattro voli civili, facendo schiantare due aerei  sulle torri del World Trade Center di New York, cuore dell’ economia statunitense, con il conseguente crollo degli edifici. Il terzo aereo fu  dirottato contro il Pentagono; il quarto, diretto contro la Casa Bianca a Washington, si schiantò in un campo vicino Shanksville , nella Contea di Somerset (Pennsylvania), dopo che i passeggeri e i membri dell’equipaggio avevano tentato di riprenderne il controllo.
Il bilancio della strage  fu di 2974 vittime, la gran parte delle quali erano civili, appartenenti a 90 diverse nazionalità. Noi abbiamo assistito all’evento con sguardi inebetiti ed ipnotizzati da quelle immagini che sembravano tratte da  un film d’azione.

Anno 2002. Nasce una nuova moneta: l’euro.  Circola dal 1° gennaio 2002 in tutti i  paesi dell’Unione Europea, agevolando il commercio tra gli Stati che l’hanno adottata, al fine di creare un mercato unico.
La nostra domanda è: a chi è venuta l’ingegnosa idea di creare la moneta da 1 centesimo? A nostro avviso è l’unico svantaggio nell’adozione dell’euro: decine e decine di monetine microscopiche pronte a cadere per terra, provocando insopportabili mal di schiena ogni volta che ci si piega per raccoglierle.

Anno 2003: la guerra in Iraq. Il conflitto inizia il 20 marzo con l’invasione del paese mediorioentale da parte di una coalizione formata da Stati Uniti d’America, Regno Unito, Australia e Polonia con contributi minori da parte di altri stati, tra cui l’Italia. Esso è preceduto da una lunga ostilità armata, iniziata nel 1990, fra l’Iraq del dittatore Saddam Hussein e molti altri stati. Le truppe della coalizione prevalgono facilmente sull’esercito iracheno, tanto che il 1º maggio 2003 il presidente statunitense Bush proclama concluse le operazioni militari su larga scala. L’Iraq resta però ancora uno dei focolai di tensione del pianeta.

Anno 2004: lo Tsunami. Il maremoto dell’ Oceano Indiano nel dicembre 2004 è stato uno dei più catastrofici disastri naturali dell’epoca moderna, causando circa 230.000 morti. Incancellabili le immagini delle onde anomale di quasi 15 metri che hanno travolto e distrutto i paradisi naturali del sud est asiatico.

Anno 2005: la morte di papa Giovanni Paolo II. Karol Wojtyla aveva 84 anni, era nato a Wadowice, in Polonia, il 18 maggio 1920. Il suo pontificato,  cominciato il 16 ottobre 1978, è durato quasi 27 anni. La sua morte è stata annunciata alle 22 da monsignor Leonardo Sandri ai 70 mila fedeli presenti in piazza San Pietro, che hanno accolto la notizia in silenzio. Poi un lungo applauso e fiumi di lacrime per il “papa buono”, come era stato da molti definito.

Anno 2006: la vittoria dell’Italia ai Mondiali di calcio. Gli azzurri arrivano in finale con la Francia. Ansia, tensione, nervosismo durante tutta la partita, ma il culmine si raggiunge al momento del rigore di Grosso:  l’Italia in pochi secondi è Campione del Mondo ed esplode la festa nazionale. Gli unici a non partecipare sono i commercianti, o almeno tutti quelli che avevano promesso televisori gratis in caso di vittoria.

Anno 2007: la morte di Luciano Pavarotti. Il tenore, 71 anni, malato di tumore al pancreas, da molti considerato il più grande della sua generazione, si è spento il 6 settembre intorno alle  5 del mattino nella villa di Santa Maria del Mugnano, vicino a  Modena, dopo che nella notte le sue condizioni si erano ulteriormente aggravate. La notizia della sua scomparsa ha fatto subito il giro del pianeta, rimbalzando su tv e siti internet: con “Big Luciano”  se ne va un pezzo di orgoglio italiano.

Anno funestato purtroppo anche dall’ incendio alla acciaieria della Thyssen Krupp  di Torino (un morto e 9 feriti) che genera spunti di riflessione sulle condizioni di lavoro degli operai.

Anno 2008: la rivolta dei monaci buddisti in Tibet. Per la prima volta, a distanza di dieci anni dalle repressioni cinesi dell’88 e ’89, l’esercito  dei grandi monasteri di Lhasa è sceso in strada, chiedendo il rilascio di un gruppo di religiosi e laici arrestati a ottobre con l’accusa di aver inneggiato alla consegna della medaglia d’oro del Congresso americano al Dalai Lama, e il ritorno in Tibet del loro leader spirituale, esule nella città di Dharamsala, in India.

Anno 2009: l’elezione del primo presidente nero della storia degli USA. Barack Obama, candidato del Partito Democratico alla Presidenza degli Stati Uniti, nelle elezioni del 4 novembre ottiene un numero di preferenze elettorali (il 65% dei voti) tale da permettergli di insediarsi alla Casa Bianca in qualità di 44° Presidente il 20 gennaio 2009. E’ stato considerato un JFKennedy redivivo grazie alla novità dirompente del suo programma politico, e la celebre frase “yes, we can” è diventata un tormentone mondiale. Recentemente Obama ha anche ricevuto il premio Nobel per la pace.

E il 2010? Ormai sta per iniziare il fatidico count-down. Prepariamoci: un nuovo frammento di storia sta per aprirsi davanti a noi. Ai prossimi dieci anni!

Alessandra Petronio
Benedetta Losa
2 LC

Annunci